Bassa Soglia Segnavia

Servizio prostituzione / tratta
Dove

Piazza XXV Aprile 2, 20121 Milano

Contatti

Referente Politico e D’Area
Valerio Pedroni | Coordinatore Segnavia – Servizi per le fragilità sociali Fondazione Somaschi Onlus
telefono | 349 1723634
fax | 02 6570024
mail | v.pedroni@fondazionesomaschi.it

Referente Struttura
Isabella Escalante | Responsabile Centro diurno Drop-in Fondazione Somaschi Onlus
telefono | 347 2992232
fax | 02 62695474
mail | bassasoglia@fondazionesomaschi.it

Referente servizio
Mara Heidempergher | Responsabile Servizio Bassa Soglia Fondazione Somaschi Onlus
telefono | 333 6273007
fax | 02 6570024
mail | maraheidempergher@somaschi.it

Cosa

Servizio di bassa soglia (unità di strada, indoor, drop-in center) rivolto a donne vittime di violenza, prostituzione, tratta e sfruttamento.

Chi

Donne vittime di violenza, prostituzione, tratta e sfruttamento.

Servizi Offerti
  • Unità di strada
    Raggiungono e contattano le donne che si prostituiscono in strada, direttamente in loco.
    Le Unità di strada sono 5: 2 diurne, dalle 13:00 alle 18:00 e 3 notturne dalle 21:00 alle 1:00. Coprono le seguenti strade/zone di Milano e hinterland: Binasca, Paullese, Via Emilia, Rivoltana, Cerca, Milano Est.
    Durante ogni UdS, oltre alla relazione e alla vicinanza dell’operatore, vengono offerti generi di conforto e materiale informativo multilingue
  • Indoor
    Si rivolge a tutte le donne che si prostituiscono in appartamento nel territorio nella città
    di Milano. Dopo un contatto telefonico (telefonate sociali) viene proposto alla donna un contatto domiciliare per approfondire la relazione
  • Drop-in sanitario
    Si tratta di un accompagnamento ai servizi sanitari di rete svolto da due educatrici.
  • Drop-in ascolto e counselling
    Lo sportello d’ascolto offre, su appuntamento, la possibilità per la donna di svolgere un
    colloquio individuale in un contesto protetto e diverso da quello dello sfruttamento.

 

  • Internet
    Il servizio si avvale di una pagina web (www.vocididonna.it) e di un profilo facebook (Dori Somaschi) che utilizza come luoghi virtuali di interazione con le donne vittime di violenza (non necessariamente ragazze che provengono da percorsi di prostituzione)